Il Diamante di Gould: esperienze di allevamento         

 

di S.Romoli

 

torna alla home page                                     torna alla pagina degli articoli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Allevo piccoli esotici da circa 3 anni e, fra le numerose specie che appartengono a questa famiglia, nel mio allevamento non poteva certo mancare lo stupendo "Diamante di Gould", uno degli estrildidi più belli per i suoi brillanti colori.

Nel mondo degli ornicoltori, questo uccellino è uno dei più conosciuti e apprezzati e così mi è sembrato giusto, scrivere alcune nozioni basilari su questo piccolo gioiello del mondo alato, basandomi anche sulle mie personali esperienze.

 Il Diamante di Gould vive nella parte più a nord  dell'Australia, quella subtropicale, nelle praterie aperte, caratterizzate da grandi alberi e bassi cespugli, dove si sposta in gruppi non numerosi per cercare insetti ed i semi di erbe prative. Questo bellissimo estrildide predilige le zone ricche di acqua. Il periodo in cui si formano le coppie va da Novembre a Marzo, che  nel loro paese d'origine corrisponde al periodo delle piogge e ad una grande disponibilità di sementi verdi; la temperatura non scende sotto i 20°C ma, durante il giorno, può arrivare anche a  40°C!            

La coppia che si forma resta insieme per tutto il periodo delle cove poi si divide e, l'anno successivo, i Diamanti scelgono un nuovo compagno. La femmina sceglie il nido, generalmente la cavità di un albero e, con erbe più o meno secche, crea una confortevole imbottitura. Depone in genere 4-6 uova, ma non raramente ne depone anche 8 (in alcuni casi si sono trovate fino a 12 uova). La cova spetta ad entrambi i genitori  e dopo circa 14 giorni avviene la schiusa. I pullus si presentano privi di peluria e con delle piccole escrescenze blù , tipo “sferette”, intorno al becco. Si involano a circa venti giorni ma diventano indipendenti solo dopo i quaranta. Il periodo della muta, è come al solito il più difficile da superare; nei giovani soggetti può terminare anche al quarto mese di vita, e non è detto sia totale. Non è raro notare soggetti che, pur avendo raggiunto la maturità sessuale, hanno ancora parti del corpo con piumaggio non completamente mutato.

Il Diamante di Gould , nella forma ancestrale, cioè come lo osserviamo in natura, è rappresentato da una specie e due sottospecie che si differenziano tra loro solo per il colore della testa.

Diamante di Gould testa nera:

specie nominale “Chloebia gouldiae gouldiae”

 

Diamante di Gould testa rossa:                                              

sottospecie “Chloebia gouldiae mirabis”

 

Diamante di Gould testa gialla:

sottospecie “Chloebia gouldiae armitiana”

 

La popolazione più diffusa è quella a Testa Nera. In natura si calcola che esista un esemplare Testa Rossa ogni tre Testa Nera. Gli esemplari più rari sono i Testa Gialla la cui frequenza è di un individuo ogni 5000 Testa Nera.

Come già accennato, nella tipica forma ancestrale, la testa (maschera) è di un nero intenso, questa è orlata da una piccola striscia blù (collarino); dalla nuca fino al codione (la parte prima della coda vera e propria) è di un bel verde brillante, il codione invece è di nuovo azzurro-blù come l'orlatura della testa e le timoniere della coda sono nere. Il petto è viola, mentre l'addome è giallo carico che sfuma poi nel bianco andando verso la coda. Altra connotato del D.G è il filetto, che è una sottile linea nera formata dal prolungamento del nero della gola fino alla nuca , ma che nel specie presa in esame (Testa Nera) è tutt’uno con la maschera. Il becco e le zampe sono carnicine.

La taglia di questo estrildide, comprese le ultime due penne della coda che sono filiformi e più lunghe rispetto alle altre, è di cm 13,5 per la femmina e cm 15 per il maschio.

Il dimorfismo sessuale è abbastanza evidente: la femmina si differenzia dal maschio per i colori più cupi della maschera e del dorso, per le parti inferiori più chiare, per il collarino più stretto ed il filetto più largo.

 

 

 

DIAMANTE DI GOULD MUTATO:

 

 

Diamante di Gould Blu: Inibizione dei lipocromi                                            

Testa rossa

Testa nera

Testa gialla

 

Diamante di Gould Petto bianco: inibizione della feomelanina

Testa rossa

Testa nera

Testa gialla

 

Diamante di Gould Pastello singolo fattore: riduzione della eumelanina

Testa rossa

Testa nera

Testa gialla

 

Diamante di Gould Pastello doppio fattore(Lutino)                           

Testa rossa                                                                            

Testa nera

Testa gialla

 

Da sottolineare che  in uno stesso soggetto si possono avere più mutazioni contemporaneamente. Si può così ottenere, per esempio, un Pastello singolo fattore petto bianco testa rossa, un Blu petto bianco testa nera ecc.


 

Personalmente non faccio uso delle balie. Le coppie che allevano bene ci sono anche fra i Diamanti di Gould; è probabile che l’utilizzo delle balie abbia provocato una perdita dell’istinto legato al ciclo riproduttivo ma, con una alimentazione adeguata e con gabbie o voliere di una certa ampiezza, è possibile ottenere ottimi risultati. E' importante, però, tenere presente che:

 

·         Preferisco accoppiare soggetti  (specialmente la femmina) che abbiano superato il primo anno di età

·         Tranquillità, calma, tranquillità. Evito di spostare la gabbia durante le cove e la muta.

·         Cerco di aprire il nido, con le uova o con i pullus, solo per lo stretto indispensabile e, se possibile, senza farsene accorgere dai genitori.

·         Uso nidi chiusi molto grandi, per ospitare comodamente tutta la famiglia.

 

Come è noto ogni allevatore ha le sue preferenze, i suoi metodi di alimentazione, i suoi segreti e quant’altro. Adesso vi svelerò i miei “segreti”e le mie “ricette”:

 

 

Nel periodo di riposo da Luglio ad Ottobre:

 

·         Misto per esotici

·         Un buon pastoncino secco povero di grassi e possibilmente privo di uova

·         Verdure fresche (le piccole foglie degli spinaci, generalmente, sono le più gradite)

 

Nel periodo dell'allevamento da Novembre a Gennaio:

 

·         Misto per esotici con una piccola aggiunta di scagliola

·         Ogni giorno fresco, il pastone secco all'uovo con aggiunta di un po' di uovo sodo

·         Spighe secche e fresche di panico tutti i giorni

 

Nel periodo della muta dei piccoli e degli adulti c.ca da Febbraio a Giugno:

 

·         Misto per esotici con scagliola

·         Pastoncino secco all'uovo due volte la settimana

·         Vitamine per la muta

·         Spighe di panico e verdure fresche una o due volte la settimana

 

Durante tutto l'anno, non faccio mai mancare, l'osso di seppia e il grit con sali minerali.